Sanificazione hop spider

Tutti i segreti delle pentole, sistemi di filtraggio, sparge e mash...

Sanificazione hop spider

Messaggioda Niddu » 16/04/2019, 16:59

Buongiorno,
volevo chiedere suggerimenti su come voi sanificate l'hop spider efficacemente per fare dry hopping.

Sicuramente la bollitura sarebbe ottima, ma essendo l'hop spider alto e stretto non saprei dove farlo se non nella caldaia di ammostamento, ma fare bollire 30 litri d'acqua per sanificare mi sembra eccessivo (io uso il sistema all-in-one Klarstein e l'hop spider è uno di quelli cilindrici diametro circa 20cm e alto 50-60)

Grazie in anticipo
Niddu
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 5
Iscritto il: 03/11/2017, 18:27
Comune: Costa Masnaga
Stile preferito: India Pale Ale
Tecnica: All Grain
Provincia: Lecco (Lombardia)

Re: Sanificazione hop spider

Messaggioda Abbaziale » 16/04/2019, 17:27

Dopo lavaggio con sapone e accurato risciacquo, userei sanificatore chimico spruzzato sopra e, se proprio vuoi risciacquare, sacrificherei un mezzo litro di acqua in bottiglia, estremamente economica, da bottiglia sigillata. In questo modo elimini i residui di sanificatore senza introdurre residui di cloro.

La sanificazione durante la luppolatura a freddo non è da prendere con troppe paranoie: stai introducendo nel mosto dei fiori, o dei pellet, che hanno una loro carica batterica, non sono certo sterili né sanitizzati. La luppolatura a freddo si fà in genere a fermentazione già avanzata e quindi con un buon contenuto alcolico in fermentatore, che dovrebbe di suo rendere poco probabile una contaminazione. D'altro canto, la contaminazione è sempre possibile perché stai inserendo una materia "fresca" nel fermentatore.

Personalmente io preferisco fare un estratto alcolico di luppolo (insomma mettere i pellet a mollo nella grappa o nella vodka per 3 ore) e poi filtrare (con un panno di cotone pulito) questo liquido che ha estratto gli aromi del luppolo e metterlo nella birra. Non so se mi perdo qualche aroma ma in questo modo elimino sul nascere qualsiasi rischio di contaminazione e, per un principiante come me, le sicurezze sono importanti :-)
Avatar utente
Abbaziale
Birraio
Birraio
 
Messaggi: 253
Iscritto il: 22/11/2017, 19:53
Comune: Roma
Stile preferito: Abbazia (Dubbel, Chimay), stout.
Tecnica: Kit luppolato
Provincia: Roma (Lazio)

Re: Sanificazione hop spider

Messaggioda Niddu » 16/04/2019, 18:28

Ciao! grazie mille della risposta esaustiva.

Sono parzialmente d'accordo con te, ma il tuo ragionamento mi ha suscitato delle idee su come procedere, vediamo se mi appoggi:

Abbaziale ha scritto:Dopo lavaggio con sapone e accurato risciacquo, userei sanificatore chimico spruzzato sopra e, se proprio vuoi risciacquare, sacrificherei un mezzo litro di acqua in bottiglia, estremamente economica, da bottiglia sigillata. In questo modo elimini i residui di sanificatore senza introdurre residui di cloro.

La sanificazione durante la luppolatura a freddo non è da prendere con troppe paranoie: stai introducendo nel mosto dei fiori, o dei pellet, che hanno una loro carica batterica, non sono certo sterili né sanitizzati. La luppolatura a freddo si fà in genere a fermentazione già avanzata e quindi con un buon contenuto alcolico in fermentatore, che dovrebbe di suo rendere poco probabile una contaminazione. D'altro canto, la contaminazione è sempre possibile perché stai inserendo una materia "fresca" nel fermentatore.


questo punto te lo appoggio a pieno, effettivamente il dry hopping "funziona" proprio perchè c'è già dell'alcool che è parzialmente in grado di combattere alcune delle contaminazioni più comuni

Abbaziale ha scritto:Personalmente io preferisco fare un estratto alcolico di luppolo (insomma mettere i pellet a mollo nella grappa o nella vodka per 3 ore) e poi filtrare (con un panno di cotone pulito) questo liquido che ha estratto gli aromi del luppolo e metterlo nella birra. Non so se mi perdo qualche aroma ma in questo modo elimino sul nascere qualsiasi rischio di contaminazione e, per un principiante come me, le sicurezze sono importanti :-)


Qui però non mi trovo. La parte più importante per il dry hopping sono gli olii essenziali del luppolo che sono già molto volatili di loro.
Aggiunti all'alcool sicuramente sarebbero ancora più volatili e quindi piu facili da disperdere; inoltre non ho idea se ci possono essere delle reazioni chimiche che andrebbero ad alterare l'aroma del luppolo stesso.

Per questo, prendendo spunto da entrambi i tuoi consigli ho pensato.... forse lavando con uno spruzzino con alcool l'hop spider risolverei i miei problemi!!

L'alcool è molto aggressivo sui batteri, ma la quantità che rimarrebbe attaccata allo spider non danneggerebbe assolutamente la birra, ne in sapore ne in gradazione alcolica.

che ne pensi?

Per la parte della sterilizzazione del luppolo mi affiderei alla natura e alla fortuna, non conosco tecniche di sanificazione non invasive se non per aumento di pressione
Niddu
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 5
Iscritto il: 03/11/2017, 18:27
Comune: Costa Masnaga
Stile preferito: India Pale Ale
Tecnica: All Grain
Provincia: Lecco (Lombardia)

Re: Sanificazione hop spider

Messaggioda Batigolle » 16/04/2019, 18:42

Ciao Niddu
come alternative puoi usare una vaporella ( se ce l'hai) , dando un paio di passate con il 'vapore'
oppure usare una soluzione con Star San ,spuzzandolo sull 'HopSpider
birra2
Avatar utente
Batigolle
Mastro Birraio
Mastro Birraio
 
Messaggi: 850
Iscritto il: 11/01/2013, 11:14
Comune: Firenze
Stile preferito: Lager - Ale
Tecnica: All Grain
Provincia: Firenze (Toscana)

Re: Sanificazione hop spider

Messaggioda Niddu » 17/04/2019, 8:49

grazie a tutti per i consigli!
Niddu
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 5
Iscritto il: 03/11/2017, 18:27
Comune: Costa Masnaga
Stile preferito: India Pale Ale
Tecnica: All Grain
Provincia: Lecco (Lombardia)

Re: Sanificazione hop spider

Messaggioda Abbaziale » 17/04/2019, 22:55

Niddu ha scritto:Qui però non mi trovo. La parte più importante per il dry hopping sono gli olii essenziali del luppolo che sono già molto volatili di loro.
Aggiunti all'alcool sicuramente sarebbero ancora più volatili e quindi piu facili da disperdere; inoltre non ho idea se ci possono essere delle reazioni chimiche che andrebbero ad alterare l'aroma del luppolo stesso.

Per questo, prendendo spunto da entrambi i tuoi consigli ho pensato.... forse lavando con uno spruzzino con alcool l'hop spider risolverei i miei problemi!!

L'alcool è molto aggressivo sui batteri, ma la quantità che rimarrebbe attaccata allo spider non danneggerebbe assolutamente la birra, ne in sapore ne in gradazione alcolica.

che ne pensi?



Non ti seguo riguardo la volatilità degli oli essenziali del luppolo.

Se metti i fiori di luppolo nella birra, stai facendo una estrazione idroalcolica dei suoi oli essenziali, cioè stai lasciando a macerare i fiori (e gli oli) in una miscela di acqua e alcol, solo che l'alcol è, ad esempio, al 6% in volume.
Se metti i fiori di luppolo nella grappa stai facendo l'identica cosa, ma la miscela idroalcolica è al 38% circa, anziché al 6% circa. L'estrazione è quindi più rapida perché è l'alcol che estrae gli oli essenziali molto più dell'acqua. Se immergi il luppolo in acqua, l'acqua si aromatizzerà poco perché gli oli essenziali non passeranno facilmente nell'acqua. Chi fa il lavoro di estrazione è l'alcol. Nella grappa il lavoro è più rapido che nella birra, ma il tipo di estrazione è lo stesso e alla fine ti ritrovi dell'alcol con aroma di luppolo, cioè ti ritrovi le molecole di aroma di luppolo attaccate alle molecole di alcol.

Si potrebbe osservare che, forse, una estrazione al 38% di alcol estrae certe componenti che forse la birra al 6% non estrae, e forse l'estrazione in alcol "puro" (95% circa) estrarrebbe altre componenti ancora, cioè forse maggiore il tasso alcolico e più "profonda" l'estrazione, come del resto maggiore il tempo di permanenza nella soluzione alcolica e più "profonda" è l'estrazione.

C'è un video (mi pare di Sgabuzen) su YouTube che mostra il risultato di estrazioni idroalcoliche in grappa, ma di diversa durata. Al prolungarsi del tempo di estrazione vengono cedute componenti come i tannini, forse le resine, insomma l'aroma diviene diverso.

Penso che, se pur in scala diversa, questo discorso si possa fare anche nel fermentatore, cioè maggiore la permanenza dei luppoli, maggiore la cessione. Dando tempo, penso che anche il luppolo "da aroma" finisca per cedere le resine che ha, e oltre alle resine anche i tannini, la clorofilla e altre sostanze. L'alcol piano piano dissolve tutto quello quello che trova, gli oli prima, poi tutto il resto.

Se fai l'estrazione con la grappa puoi tenere sotto controllo, a naso, il processo di estrazione e quindi, con un po' di esperienza, controllare il processo, e separare i luppoli dalla grappa, filtrando, quandi ritieni che il processo sia arrivato al punto giusto di estrazione.
Se invece metti i luppoli nella birra, l'unico modo che hai di fermare la luppolatura a freddo è di effettuare un travaso.

Secondo me si tratta, alla fine, della "stessa cosa". Gettare i pellet nel fermentatore è più "tradizionale", ma fare l'estrazione nella grappa è più moderno e pratico.

Quanto al sanitizzare il cestello metallico spruzzandoci grappa sopra, o meglio bagnandolo nella grappa, penso possa pure funzionare, ma lo ritengo, come detto, poco determinante nel senso che il rischio viene più dal contenuto batterico dei luppoli, che è presumibilmente decine di volte maggiore di quello del retino d'acciaio lavato con sapone e acqua calda, che anche se non sanitizzato ha comunque un contenuto batterico bassissimo, mentre i luppoli non puoi lavarli con sapone e acqua calda e non hanno una superficie lavabile come l'acciaio.

Il problema di possibile contaminazione è comunque dato dai luppoli e non dal cestello.
Avatar utente
Abbaziale
Birraio
Birraio
 
Messaggi: 253
Iscritto il: 22/11/2017, 19:53
Comune: Roma
Stile preferito: Abbazia (Dubbel, Chimay), stout.
Tecnica: Kit luppolato
Provincia: Roma (Lazio)


Torna a Pentole-Tini-Filtraggio-Mulini

Chi c’è in linea

Visitano il forum: tonino e 1 ospite