St Peter's cream stout, consigli per modifica

Tutti i segreti per fare una buona birra dai KIT

St Peter's cream stout, consigli per modifica

Messaggioda pugnitopo » 12/09/2018, 18:45

Buonasera!! Innanzitutto mi presento, sono Michele e mi sono cimentato sempre soltanto con kit luppolati. Al momento ancora me la sento di passare ad un e+g, anche per pigrizia :D
Vi scrivo per avere un'opinione su un kit che ho appena acquistato: si tratta del St Peter's cream stout: la mia idea è di fare una stout dal gusto abbastanza dolce che ricordi il sapore del cioccolato e della nocciola. Per esaltare questi sapori pensavo di aggiungere del cioccolato fondente in scaglie prima di inoculare il lievito, ed aggiungere dello zucchero di canna grezzo nel priming (https://www.altromercato.it/it_it/zucch ... g-bio.html). Pensate che sia una bestemmia? :twisted: :D
E' vero che le birre da kit non andrebbero più di tanto modificate, però volevo sapere se avete già esperienza su modifiche in kit stout.
Per completezza vi dico che il kit della stout della st peter non prevede aggiunta di zuccheri o sostituti.

Grazie in anticipo! :)
pugnitopo
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 10
Iscritto il: 17/03/2014, 14:36
Comune: L'Aquila
Stile preferito: Rossa, Weiss
Tecnica: Mai birrificato
Provincia: L'Aquila (Abruzzo)

Re: St Peter's cream stout, consigli per modifica

Messaggioda Abbaziale » 14/09/2018, 22:55

a) Dovendo cercare di integrare profumi di fermentazione e di malto con ingredienti aggiunti, personalmente andrei con mano molto, ma molto leggera. Quindi il problema non è quanto cacao aggiungere, ma quanti grammi/ettolitro. Altrimenti anziché una birra ti ritrovi con un "alcoholpop".

b) Potresti fare una gran fatica, e molte cotte, per trovare il giusto equilibrio di aromi, per poi scoprire che il tuo kit ha cambiato sapore. I kit non sono affidabili. Non sai cosa c'è dentro, non sai quanto rimangono in produzione, non sai se cambia il sapore pur rimanendo immutato il marchio.
Quindi se cerchi di creare una tua ricetta partendo da un kit di un terzo è un po' come progettare di fare un castello di sabbia. E' un investimento poco saggio di tempo e denaro.

Se invece passi ad AG sarà più facile, una volta trovata la ricetta "giusta", riprodurla indefinitamente. Qualche problema di leggero cambiamento di sapore ci sarà sempre (la natura fa i grani ogni anno un po' diversi, la composizione dell'acqua cambia leggermente ecc.) ma comunque stai costruendo su un terreno solido.

I kit secondo me vanno bene per imparare oppure per accettarli e amarli così come sono, senza prenderli troppo sul serio :)
Abbaziale
Birraio
Birraio
 
Messaggi: 176
Iscritto il: 22/11/2017, 19:53
Comune: Roma
Stile preferito: Abbazia (Dubbel, Chimay), stout.
Tecnica: Kit luppolato
Provincia: Roma (Lazio)


Torna a Birra da Kit

Chi c’è in linea

Visitano il forum: tonino e 1 ospite