Corona Extra...extra per gli ingredienti???

Discussioni varie su cio che gira intorno all'Homebrewing

Corona Extra...extra per gli ingredienti???

Messaggioda totoreubit » 13/08/2011, 14:08

Qualche giorno fa sono stato una discoteca,
ed avevo un buono per un drink, e dato che non mi piacciono i superalcolici o i cocktail decido di chiedere al barman una birra...
ed eccomi che mi serve una Corona Extra con una fettina di lime nel collo...
tralasciando il sapore di questa birra :x vado a leggere sul retro gli ingredienti e resto allibito!
Malto d'orzo, luppolo, lievito, e fin qui tutto ok, malto di riso e granturco (ok passabile), addensante :oops: :o :shock: e antiossidante :shock: :?

ma che schifo!!!
non dico che tutte le birre devono per forza attenesi all'editto della purezza tedesco, però stè cose in una birra mi lasciano letteralmente di stucco!!

e sinceramente non riesco a capire il perchè di questi ingredienti...
l'unica motivazione che mi balza in mente è che forse servono per proteggere la brodaglia dal calore, o per via della bottiglia trasparente?!boh

fatto sta che non la berrò mai più!
"Una birra forte, un tabacco profumato e una donna, questo è piacere!" Johann Wolfgang von Goethe

In omnia pericula tasta testicula, grattatio pallorum etim omnia male fugit

totoreubit's car
Avatar utente
totoreubit
Domozimurgo
Domozimurgo
 
Messaggi: 2269
Iscritto il: 04/04/2011, 12:18
Comune: Recale
Stile preferito: Belgian Ale - Weizen
Tecnica: Estratto+Grani
Provincia: Caserta (Campania)

Re: Corona Extra...extra per gli ingredienti???

Messaggioda totoreubit » 13/08/2011, 17:37

la motivazione della fetta di lime dovrebbe essere questa:

"La Corona è una birra bionda, con una gradazione alcolica di 4,6 % in volume di alcool e presenta un colore oro, con una schiuma sottile ed evanescente. È proprio la mancanza della schiuma il motivo per il quale questa birra va consumata rigorosamente e direttamente dalla bottiglia: l' assenza della schiuma favorirebbe una eccessiva ossigenazione del prodotto, alterandone il sapore.
È una birra leggermente amarognola, dal lieve retrogusto luppolato, da consumare ad una temperatura di 5-7 gradi ed è preferibile accompagnarla con una sottile fetta di limone o lime infilata nel collo della bottiglia per esaltarne la freschezza ed aumentarne l'effetto dissetante."
"Una birra forte, un tabacco profumato e una donna, questo è piacere!" Johann Wolfgang von Goethe

In omnia pericula tasta testicula, grattatio pallorum etim omnia male fugit

totoreubit's car
Avatar utente
totoreubit
Domozimurgo
Domozimurgo
 
Messaggi: 2269
Iscritto il: 04/04/2011, 12:18
Comune: Recale
Stile preferito: Belgian Ale - Weizen
Tecnica: Estratto+Grani
Provincia: Caserta (Campania)

Re: Corona Extra...extra per gli ingredienti???

Messaggioda marco » 13/08/2011, 18:49

personalmente non gradisco quel tipo di birre in generale...comunque credo che l'antiossidante sia messo proprio per il fatto che è imbottigliata in una bottiglia completamente trasparente...la birra rischierebbe di diventare marroncina e quindi non avere + le caratterisciche che il Sig. Corona :lol: pubblicizza tanto di trasparenza e freschezza....oltre al fatto che a parer mio la mancanza di schiuma è difetto in una birra
La gente che beve la birra leggera non ama il sapore della birra, ama solo pisciare tanto
Slogan della Capital Brewery, Middleton, WI
Avatar utente
marco
Mastro Birraio
Mastro Birraio
 
Messaggi: 850
Iscritto il: 17/05/2011, 23:55
Comune: venezia
Stile preferito: in continua evoluzione
Tecnica: All Grain
Provincia: Venezia (Veneto)

Re: Corona Extra...extra per gli ingredienti???

Messaggioda Abbaziale » 06/07/2020, 12:19

Quando ero giovane, che significa trent'anni fa, anche la Peroni Nastro Azzurro aveva la dicitura in etichetta "antiossidante: acido l-ascorbico". La nastro azzurro veniva venduta nella bottiglia verde mentre la Peroni normale veniva venduta nella bottiglia marrone, come oggi. La bottiglia verde dà poca schermatura nei confronti dei raggi UV e rende il rischio di degrado maggiore, ma io penso che la ragione fosse proprio di logica distributiva: la Nastro Azzurro, pur essendo più alcolica e dunque conservandosi meglio, aveva uno smercio molto minore e probabilmente alla Peroni hanno pensato che avere una data di "scadenza" più protratta nel tempo aiutasse le vendite.

Oggi mi pare che esista ancora in commercio qualche birra italiana con antiossidante. A rigore si tratta di una versione sintetica della vitamina C, molto simile ma non identica alla vitamina C naturale. L'effetto antiossidante c'è, ma a quanto leggo lo scorbuto non lo curi con l'acido ascorbico, e del resto la legge non consente di chiamare l'acido ascorbico (E300) "vitamina C": o indichi "E300" o indichi "acido ascorbico".

Sull'addensante penso che fosse in realtà un "antiaddensante", per evitare forse l'intorbidamento dovuto ai coaguli di proteine.

Sono birre messicane e di consumo estivo, all'aperto, in chioschetti del cavolo, fatte per sopportare condizioni di stoccaggio miserevoli, nelle quali una birra bavarese verrebbe immediatamente rigettata dall'avventore.
Avatar utente
Abbaziale
Birraio
Birraio
 
Messaggi: 325
Iscritto il: 22/11/2017, 19:53
Comune: Roma
Stile preferito: Abbazia (Dubbel, Chimay), stout.
Tecnica: Estratto+Grani
Provincia: Roma (Lazio)


Torna a Discussioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: tonino e 9 ospiti